Festival di Sanremo 2011: “Il vento e le rose” la canzone, Mille lire al mese per i 150 anni d’Italia

di Redazione 1

L’ultima volta che Patty Pravo ha cantato alla kermesse sanremese era il 2009, al Festival di Sanremo 2011 canterà “Il vento e le rose”, trasgressiva fin dai tempi in cui esserlo significava essere nel mirino dei benpensanti, sempre sopra le righe. Patty Pravo ha fatto dell’anticonformismo il suo stile di vita, una voce profonda che da anni incanta gli italiani, una vita amorosa piuttosto tormentata che l’hanno vista anche al centro del gossip, con pregi e difetti, comunque, rimane l’icona della musica italiana che ancora ha un grande impatto con gli italiani, la prima cantante italiana ad esibirsi in Cina nel lontano 1994.

La prima volta al Festival di Sanremo per Patty Pravo risale al 1970, quando ancora erano due i cantanti a proporre lo stesso brano, lei lo fece con Little Tony, riuscnedo anche ad ottobere con La spada nel cuore il Premio della Critica. Fra lo stupore generale, Patty Pravo è riuscita a far salire sul palco del Festival di Sanremo 2011 Morgan, con il quale duetterà venerdì 18 febbraio. Nella serata dedicata ai 150 d’Italia si esibirà sulle note di “Mille lire al mese”.

Un ritorno clamoroso per Morgan, squalificato l’anno scorso per le vicende legate all’uso di droghe, che Patty Pravo non vive con lo stesso clamore: “L’ho scelto perché la sua voce è perfetta per questo brano e si unisce in maniera strepitosa alla mia. Appena l’ho annunciato ho trovato subito il consenso di quelli della Carosello. In Rai, almeno davanti a me, nessuno ha avuto nulla da ridire. Anche Morandi e il condirettore artistico Mazzi sono contenti. E allora sono contenta anche io”, è stata la sua semplice spiegazione data al Corriere della Sera.

Commenti (1)

  1. Amo Patty
    Daniele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>