Baustelle: contro i talent e Sanremo che considerano ‘come la morte’

di Blogger Commenta

Esce il 29 gennaio il nuovo album dei Baustelle, capitanati da Francesco Bianconi, il nuovo lavoro si chiama ‘Fantasma’ e contiene in tutto 19 brani, 13 canzoni e 6 strumentali, tanti gli argomenti trattati, il tempo, la morte e ‘speranza’. Il leader sarà presente al Festival di Sanremo 2013 solo in veste autorali, ha infatti scritto il brano che presenterà Chiara Galiazzo.

Intervistato dal Tgcom 24, Franscesco Bianconi smentisce di essere in contraddizione, se da un lato critica i talent, dall’altro scrive il brano sanremese di Chiara Galiazzo, vincitrice di X Factor. Definisce il festival come la morte, un paragone lucubre, ma lui ritiene che si dia troppa importanza a questa manifestazione.

E per quanto riguarda la contraddizione, Francesco Bianconi, uno degli autori presenti a Sanremo, ha firmato ‘Il futuro che sarà’, spiega:

Quel brano risale a due anni fa e l’ho scritto con Luca Chiaravalli per un’altra artista di cui non ricordo il nome. Un giorno Luca mi chiama al telefono e mi dice che stava provinando la canzone per Chiara Galiazzo. E io gli ho risposto ‘Chiara chi?’, non seguo i talent ma non seguo tanti altri programmi.

Ma vuole anche approfondire la sua avversione contro i talent in generale, con una nota per Chiara Galiazzo:

Intendiamoci non ce l’ho con i talent quanto con l’idea che la musica sia solo lì. Se un cantante che viene dal talent non è solo interprete ma ha personalità, allora è giusto che abbia il suo meritato posto. Con Chiara è successo così. Sono andato a vedere le sue esibizioni su YouTube e si è cimentata con generi davvero diversi, ‘Uau che voce!’ ho pensato. Poi anche Mina ha speso parole bellissime per lei, mi piace molto anche l’altro brano scritto da Zampaglione per lei ‘L’esperienza dell’amore’. Sono molto felice di aver collaborato con questa cantante.

Francesco Bianconi racconta che il nuovo album dei Baustelle, nonostante si parli di fantasmi, omicidi e invettive contro la polita, è un album che parla di speranza:

So che non sembra ma posso assicurare che è così e lo dice uno degli ultimi pessimisti rimasti sulla faccia della terra. Veniamo trattati un po’ male ultimamente noi pessimisti ma abbiamo una visione e una capacità di analisi lucida delle cose. Questo è un album di analisi senza paura ma incita anche a trovare la speranza e il coraggio per affrontare i problemi quotidiani.

Da febbraio i Baustelle saranno impegnati in un mini tour in cui saranno accompagnati dalla Ensemble Simphony Orchestra, vediamo le date: 19 febbraio – Bari – Teatro Team – Ghironda Winter Festival; 20 febbraio – Roma – Auditorium Parco della Musica Sala S. Cecilia; 23 febbraio – Firenze – Teatro Comunale; 25 febbraio – Milano – Teatro degli Arcimboldi. Dall’8 marzo partirà il tour teatrale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>