ADDIO RAY MANZAREK… “INGEGNERE DEL SUONO”!

di L. F. Commenta

“Ingegnere del suono”, proprio così amava definirsi Ray Manzarek che si è spento ieri, a 74 anni, dopo una lunga guerra contro il cancro. Ray, la mente dei Doors… colui che, narra la leggenda, ha reso immortale l’immagine di Jim Morrison e dell’indimenticabile band!

Credit: foto tratta da www.telegraph.co.uk

Non fiori ma opere di bene… questa la richiesta della famiglia di Manzarek, il tastierista dei Doors morto a 74 anni in Germania, presso la RoMed Clinic di Rosenheim, dopo aver combattuto una lunga battaglia contro il cancro. I familiari hanno chiesto, infatti, di devolvere le eventuali donazioni all’associazione standup2cancer.org, esattamente come avrebbe desiderato Ray. Manzarek era da tempo malato di cancro e, purtroppo, non è riuscito a vincere la terribile battaglia contro la malattia.

Ray, oltre ad essere stata la colonna portante della band era noto come vero scopritore di talenti, tra i quali Morrison fu soltanto il primo di una lunga serie.

Nato a Chicago, fu proprio Ray, infatti, a fondare quello che divenne poi uno dei gruppi più famosi della storia del rock: i Doors. Manzarek era considerato la mente della band americana che ha scritto una tra le più importanti pagine del rock psichedelico degli anni Sessanta e Settanta. L’incontro con Jim Morrison avvenne ai tempi dell’università, s’incontrarono casualmente a Venice Beach, in California, luogo di ritrovo della gioventù hippie di quel periodo. Ray dichiarò più volte di essere rimasto molto colpito da alcune poesie di Morrison, tra cui una bozza di “Moonlight Drive”. I due decisero così di formare la band che noi tutti conosciamo: i Doors.

Tra i tanti messaggi arrivati vale la pena citare quello di Slash che, come ultimo saluto, ha deciso di dedicare Ray queste parole via Twitter: “I Doors erano il suono di Los Angeles, riposa in pace Ray, le parole non hanno significato ora”. Addio Ray…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>