Lady Gaga accusata di truffa, lucrava sui braccialetti venduti pro Giappone

di Blogger Commenta

Lady Gaga è in questi giorni al centro di una bufera, la pop star è infatti stata pesantemente accusata di aver intentato una truffa ai danni del popolo giapponese disastrosamente colpito dallo tsunami lo scorso 11 marzo che ha devastato il paese. Lady Gaga è stata una delle prima a muoversi a favore del Giappone, già il giorno dopo aveva preso importanti iniziative a favore delle vittime del disastro giapponese. Ma la buona fede di Lady Gaga è stata pesantemente messa in dubbio, l’accusa è di non aver destinato tutto il ricavato degli ormai famosi braccialetti in gomma con la scritta “Preghiamo per il Giappone”, che aveva messo in vendita sul suo sito al costo di cinque dollari.

Lady Gaga aveva promesso che tutti i proventi sarebbero stati destinati ai soccorsi dei terremotati giapponesi, ma l’associazione legale 1-800-Law-Firm dice che non è così ed ha intentato un’azione legale nei suoi confronti. Gli avvocati americani sostengono che siano state gonfiate le spese di spedizione riuscendo in qualche modo a guadagnare su una raccolta fondi destinata alle vittime, una vera e propria truffa ai danni di chi ha avuto fiducia in lei, ritenendo che proprio tutto sarebbe arrivato in Giappone.

Facendo quattro conti, la richiesta di risarcimento si aggira sui cinque milioni di dollari, Lady Gaga dovrebbe risarcire l’intera somma stimata. Gli avvocati, pur appoggiando l’iniziativa della pop star, sostengono che l’operazione non sia stata trasparente, così hanno intentato causa. Lei era proprio in Giappone quando è scoppiata la bomba, per il momento non è arrivato nessun commento da Lady Gaga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>