X Factor 4 settima puntata: eliminata Cassandra, ancora polemiche su Stefano

di Blogger Commenta

La settima puntata di X Factor 4 inizia all’ insegna della polemica, Anna Tatangelo è molto arrabbiata per l’ eliminazione della rocker Dorina che, ad inizio puntata le dedica “Doppiamente fragile”, il brano che ha fatto conoscere la cantante al Festival di Sanremo quando aveva solo 15 anni. Il dolce ricordo non fa che aizzare Anna Tatangelo contro i giudici che ne hanno deciso l’ eliminazione, in particolare Mara Maionchi che, a suo dire, se ne è lavata le mani eliminandola.

Ancora una volta nell’ occhio del ciclone finisce Stefano, tutti si interrogano sul perché, dopo due esibizioni deludenti sia ancora ad X Factor 4, soprattutto l’ irrefrenabile Anna Tatangelo che, con una punta di cattiveria, dichiara vincente il lato umano e non il talento di un artista. Stefano è il primo ad esibirsi, possiamo immaginare con che spirito affronti il brano, ma se la cava.

Bravi come sempre i Kymera che hanno interpretato “Non me lo so spiegare” di Tiziano Ferro in versione teatro tabuki, in mix di tecnica, spettacolo e stile. Davide propone in modo eccellente “Parlami D’ amore” dei Negramaro e, come sempre, Nevruz sorprende con le mille sfaccettature della sua voce, interpreta “Nuova ossessione” dei Subsonica, ancora una volta riceve i complimenti da tutti i giudici.

Dami canta “Credimi ancora” di Marco Mengoni, sul palco interpreta alla perfezione il vincitore della scorsa edizione, non stona assolutamente ma non ci mette niente di personale. Bravo comunque.

Alla fine dell’ unica manche di X Factor 4, in ballottaggio finiscono Ruggero e Cassandra, bravi entrambi ma l’ interpretazione a cappella di Ruggero di “Honesty” e “A me me piace ‘o blues” di Pino Daniele convincono i giudici a far continuare il percorso al giovanissimo Ruggero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>