CLAUDIO ROCCHI: ADDIO AL MUSICISTA INNOVATIVO

di L. F. Commenta

Altro triste lutto nel panorama musicale italiano… è da poco giunta notizia della scomparsa di Claudio Rocchi, bassista degli “Stormy Six”, popolare conduttore radiofonico e figura simbolo del rock progressivo del nostro paese.

foto tratta dal sito www.affaritaliani.it

È morto oggi, a 62 anni, Claudio Rocchi, a causa di una malattia degenerativa incurabile che non aveva mai nascosto ai suoi numerosi fan, tanto da descriverla in rete, con grande serenità, per rendere tutti partecipi della situazione. Si è spento, quindi, a Milano uno dei simboli di spicco della creatività musicale italiana e non solo.

Figlio di una famiglia benestante lombarda, aveva mosso i suoi primi passi come chitarrista del gruppo rock milanese “Stormy Six”.

Nel 1970 aveva intrapreso la carriera solista pubblicando “Viaggio”, bissandone poi il successo l’anno seguente con “Volo Magico numero 1”. Claudio, insomma, appartiene ed è protagonista dell’incredibile stagione innovativa milanese degli anni ’70. Nell’album più di successo della sua carriera “Volo magico n. 1”, suonano addirittura i migliori musicisti della scena milanese (anche un giovanissimo Alberto Camerini alla chitarra). Con questo album Rocchi diventò una presenza costante in tutti i raduni rock…

La sua musica divenne addirittura la sigla identificativa della prima radio libera di informazione milanese: Radio Milano Centrale, diventata poi Radio Popolare.

Rocchi ha avuto anche esperienze come conduttore radiofonico grazie a programmi come “Per voi giovani” e “Pop-Off”. Privilegiava musica musitico-psichedelica e amava le sonorità dell’India. Non a caso, proprio per ricordare quel programma aveva organizzato all’Auditorium Parco della Musica, a Roma, una celebrazione del programma radiofonico che ha avuto un ruolo fondamentale nella diffusione delle nuove correnti musicali. Evento in corso proprio in questi giorni…

Personaggio a tutto tondo, decisamente, fonda addirittura la prima radio libera del Nepal “The Himalayan Broadcasting Company”, di cui fu direttore per tre anni. Rocchi aveva aderito all’Associazione Internazionale per la Coscienza di Krishna, fondando e dirigendo il network nazionale RKC (Radio Krishna Centrale). Non pago, era stato anche monaco induista.

Ciao Claudio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>