FEDEZ: NON ME L’ASPETTAVO!

di L. F. Commenta

Il nuovo album “Sig. Brainwash – L’arte di accontentare” è in cima alle classifiche di vendita e Fedez, ormai idolo di un pubblico trasversale, sta ammaliando anche gli ultimi scettici… sdoganando sempre di più il genere rap!

Credit: Getty Images

Federico Lucia, meglio conosciuto come Fedez, nasce a Milano il 15 ottobre 1989, muove i primi passi nel mondo della musica partecipando a varie gare di freestyle e non tarda a mettersi in luce tra mille altri. Infatti, l’escalation del giovane ed eclettico artista è frenetica e veloce, ricca di esperienze e incontri importanti. Nel 2006 incide il suo primo EP intitolato “Fedez” con DJ S.I.D. e Cidda. Nel 2010 incide il suo primo mixtape “BCPT” (prendono parte al mixtape artisti del calibro di Emis Killa, G. Soave e Maxi B). Sempre nel 2010 incide un altro EP intitolato “Diss-Agio”, con Vincenzo da Via Anfossi e Dinamite prodotto da JT. All’inizio della sua carriera Fedez fa parte della “crew bloccorecordz” ma, a causa di incompatibilità musicali, lascia il gruppo dopo la pubblicazione di “BCPT”. Nel marzo del 2011 esce il suo primo album chiamato “Penisola che non c’è”, prodotto ancora una volta da JT, che apre in modo definitivo la strada al giovane artista nato dal web. Il dicembre successivo, invece, esce il suo primo album ufficiale intitolato “Il mio primo disco da venduto”, prodotto dalla Tanta Roba. L’album vanta collaborazioni con grandi nomi della scena hip hop italiana come ad esempio Marracash, J-Ax, Jake la Furia e i Two Fingerz.

Nel 2011 partecipa all’album “Thori & Rocce” il primo album dei beatmaker Don Joe & Dj Shablo (al quale collaborano i migliori rapper della scena italiana) con la canzone “Fuori Luogo” feat Cane Secco & Gemitaiz. Nel 2012 partecipa all’album “Hanno ucciso l’uomo ragno 2012” dove duetta con Max Pezzali nel brano Jolly Blu.

Il 12 dicembre del 2012 ottiene 4 nomination agli MTV Hip Hop Awards 2012: Best New Artist, Best Live, Video Of The Year (con “Faccio brutto“) e Song Of The Year (sempre con “Faccio brutto”) di cui è stato il vincitore.

Il 4 marzo 2013 esce il video del singolo “Cigno nero” (con Francesca Michielin) che, in una sola settimana riceve 3 milioni di visite su YouTube, battendo il precedente record per la musica italiana stabilito da Emis Killa con “Parole di ghiaccio”.

E ora… la sua ultima uscita (già annunciata attraverso una serie di video intitolati “Zedef Chronicles”, caricati sul canale YouTube ufficiale del rapper): “Sig. Brainwash – L’arte di accontentare”. Il nuovo disco del rapper non tarda a dare i risultati sperati, è già “ Number One” nella  classifica dei CD più venduti e si piazza al primo posto della classifica FIMI già dalla prima settimana di rilevazione.

Sono ben 19 i brani di “Sig. Brainwash – L’arte di accontentare“. Storie di vita vissuta, analizzate in maniera lucida ma anche ironica. “Non mi aspettavo questi risultati, lo giuro”, dice in un’intervista il giovanissimo rapper. L’album parla di amore, d’ingiustizie ma anche dell’Italia che fa le rivoluzioni. “Sarebbe bello se accadesse veramente una rivoluzione, sono pessimista e questa canzone è stata solo uno sfogo e non ha un valore sociale e neanche vuole essere una lezione morale…”. Il rapper confida che il disco è totalmente autobiografico. “Cigno Nero”, ad esempio, è nata in un momento difficile, quando la sua ex lo ha lasciato, la scorsa estate. Mentre “Babbazzi infami, figli di papà siete la rovina della nostra società” è stata scritta quando aveva 16 anni, durante le sue prime uscite in discoteca, a contatto con un mondo non gli è piaciuto. Mondo che così commenta: “Sono costretto ad andarci anche ora con gli amici perché tutto sommato posso godere di un po’ di privacy. Se vado alle Colonne di San Lorenzo, a Milano, manca poco che ci vogliono le guardie del corpo! Tutti chiedono l’autografo…”.

Cos’altro ci aspetta da Fedez? Per ora un concerto, il 17 aprile, all’Alcatraz di Milano… per la date estive, invece, aspettiamo conferme!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>