LA CONGIUNZIONE ASTRALE DI NEK

di L. F. Commenta

Esce oggi, in radio e nei digital store, “Congiunzione astrale”, il primo singolo che anticipa l’attesissimo, nuovo album d’inediti: “Filippo Neviani”.

Credit: Warner Musica Italia

L’ultimo disco d’inediti di Filippo Neviani (al secolo Nek), “Un’altra direzione”, è uscito nel 2009. Da allora, da ben quattro anni, il suo pubblico attende con trepidazione. Lunga attesa che sarà ricambiata il 16 aprile quando, finalmente, potremo ascoltare l’album omonimo “Filippo Neviani”. Questo sarà l’undicesimo album in studio di Nek, il cui passato artistico (ben ventidue anni di onorata carriera alle spalle) vanta otto milioni di dischi venduti in tutto il mondo.

Filippo nasce il 6 gennaio 1972 e a soli novi anni, un vero talento naturale, inizia a suonare chitarra e batteria. Nel 1991, dopo aver suonato per locali con i White Lady, arriva secondo a Castrocaro e, successivamente, esce il suo primo disco: “NEK”. Nel 1993 partecipa al Festival di Sanremo nella categoria giovani con l’indimenticabile brano sul tema dell’aborto, “In te” (che darà poi il nome al suo secondo album). Quello stesso anno, al festival, Nek partecipa anche come autore, con la canzone “Figli di chi”, interpretata da Mietta. Nel 1994 esce col terzo album “Calore umano” e con Giorgia vince il Premio Europeo come miglior cantante giovanile europeo. Nel 1996 esce “Lei gli amici e tutto il resto” che lo porta alla WEA. L’anno successivo Nek torna a Sanremo con “Laura non c’è” e, sempre nel 1997, dopo il Festivalbar, inizia il suo primo tour mondiale. “In due” esce nel 1998 e si accompagna a un tour che da gennaio ad agosto dell’anno successivo porta in giro Nek per l’Europa e Sud America. Il singolo “Ci sei tu” anticipa il nuovo album “La vita è“, che esce il 2 giugno 2000.

In attesa che arrivi il 16 aprile, da oggi, godiamoci “Congiunzione astrale”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>