LITFIBA AL POTERE

di L. F. Commenta

Lo scorso gennaio, la band, con i suoi componenti storici (Pelù, Renzulli, Maroccolo e Aiazzi), si era riunita per esibirsi in alcuni concerti all’Alcatraz di Milano, dando vita ad un vero e proprio Tour dedicato alla trilogia!

Credit: ufficio stampa Warner Music

Giornata storica per gli amanti dei Litfiba… viene pubblicato, infatti, la “Trilogia del potere” , un doppio CD che comprende i primi tre album pubblicati dalla band rock italiana Litfiba: “Desaparecido” (1985), “17 Re” (1986) e “Litfiba 3” (1988). Tre album considerati tra i più importanti del panorama rock italiano ed europeo e che hanno, come fattore comune, la forte critica verso il totalitarismo in generale, espressa soprattutto nei testi.

In 30 anni di storia, i Litfiba, hanno portato un contributo importantissimo alla musica “made in Italy”. Partiti dalla cantina di via dei Bardi a Firenze, con melodie new wave e influenze dark e punk, arrivano ai palchi più importanti grazie al rock più duro e arrabbiato della loro “maturità” professionale. Si realizza un sogno e la band toscana diventa la più importante e influente del nostro paese. Poi, purtroppo, i primi dissapori, la perdita d’ispirazione, la voglia di stimoli nuovi e i diversi cambi di formazione. Il primo ad abbandonare la band fu proprio lo spirito del gruppo: il front leader Piero Pelù. Il pubblico dei Litfiba aveva ormai perso ogni speranza di rivedere i Litfiba nella loro composizione originale quando, inaspettatamente, nel 2010 torna la pace tra i membri storici e inizia un nuovo sodalizio musicale…

La “Trilogia del potere” rappresenta, dunque, l’ennesima prova che la band è viva e compatta, pronta a stupirci ancora! L’album, oltre a riproporre integralmente i 3 mitici LP originali, include 2 bonus tracks: “Versante Est” del 1984 e “Il vento” del 1989.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>