Alessandra Amoroso, il nuovo singolo “E’ vero che vuoi restare” in radio da venerdì

di Blogger Commenta

E’ ancora una canzone d’amore il nuovo singolo di Alessandra Amoroso, “E’ vero che vuoi restare”, scritto ancora dall’accoppiata vincente Federica Camba e Daniele Corso ed arrangiamenti di Celso Valli, sarà in rotazione radiofonica dal prossimo venerdì 4 novembre, un amore difficile, fatto di silenzi e di lontananza, alcune parole rendono chiara l’idea del contenuto della ballad: “la storia di un film che non ha mai un finale”. L’anticipo di qualche minuto è apparso ulla pagina Facebook di Alessandra Amoroso.

Logicamente entusiasti i fan della cantante salentina, il nuovo singolo “E’ vero che vuoi restare”, ha tutte i presupposti per diventare subito un nuovo successo di Alessandra Amoroso, ormai abituata a estare in classifica, uno dietro l’altro da “Immobile” a “Stupida”, da “Senza nuvole” a “La mia storia con te”, tutte canzoni d’amore, tutte disperate.

Non tutti amano Alessandra Amoroso, come per Emma Marrone, l’accusa è di proporre canzoni tutte simili l’una all’altra, qualcosa di vero potrà anche esserci, non c’è stata sperimentazione di nuove strade ma, a parlare per lei, ci sono i risultati, dischi di platino numerosi, concerti live quasi tutti sold out, e, a parte quel caso montato per tentare di danneggiare la sua immagine, un stupidata, solo un momento di stanchezza in cui non ha voluto firmare alcuni autografi all’uscita di un ristorante nel quale si era recata a cena.

Come già annunciato nel corso di una ospitata a “I migliori anni”, la trasmissione di Rai Uno condotta da Carlo Conti, a dicembre uscirà il nuovo album “Cinque passi in più” che conterrà cinque brani inediti, di cui uno è stato scritto Kekko Silvestre dei Modà.

Fra l’altro i fan più appassionati si sono accorti che la sigla dei promo di “C’è posta per te”, trasmissione di Maria De Filippi, è proprio il nuovo singolo di Alessandra Amoroso “E’ vero che vuoi restare”, stessa cosa successa anche per “Sarò libera” di Emma Marrone, insomma, la Sanguinaria continua a seguire le sue pupille.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>