Alessandra Amoroso nasce il caso degli autografi che non ha voluto firmare

di isayblog4 5

Il successo, si sa, ha i lati positivi, ma anche quelli negativi, si è sottoposti a critiche e bisogna saperle affrontare. In questi ultimi giorni si è montato un vero e proprio caso mediatico su Alessandra Amoroso che non ha voluto firmare degli autografi ai suoi fan che l’aspettavano all’uscita di un ristorante in cui si era recata a cena dopo il concerto di Macerata. Il problema non era tanto il non essersi concessa ai suoi ammiratori, quanto il fatto che, infastidita dai “buuu” dei presenti, sia scesa dall’auto ed abbia inveito contro una signora presente con la figlia che la contestava. Sembra anche che ci fossero dei bambini ad assistere alla scena che sono scoppiati in lacrime.

Alessandra Amoroso si è ampiamente scusata dell’accaduto, lo ha fatto su Facebook, lo fa in ogni concerto, forse è anche ora di smetterla di cospargersi il capo di cenere, l’artista salentina non sarà la prima e neanche l’ultima ad aver avuto un momento di crisi, dovuta forse anche alla stanchezza. È vero, è la vita che ha scelto lei di fare, guadagna tanti soldi, qualcosa in cambio deve dare ma, fino a un certo punto si può criticare, poi, bisogna gettare acqua sul fuoco, non ha fatto nulla di drammatico. Anche Alfonso Signorini ha avuto modo di dire la sua, criticando il comportamento di Alessandra Amoroso che ritiene abbia mostrato un atteggiamento di superiorità poco apprezzabili.

Torna a giustificarsi dalle pagine del settimanale “DiPiù”, ancora una volta spiega le motivazioni del suo comportamento: “C’erano una ventina di persone fuori che gridavano il mio nome ma io ero esausta e non mi sono fermata a firmare gli autografi. Così una volta in macchina ho sentito ‘buuu’, allora sono scesa e ho urlato a una signora che io non me lo merito. Alle tre di notte, all’uscita da un ristorante, non ce l’ho fatta a firmare qualche autografo. Sono stata contestata in modo esagerato e ho reagito con troppo impeto. Poi su internet è montata la polemica contro di me. Io però vorrei essere capita, soprattutto da chi dice di volermi bene, non sono un robot che non prova stanchezza, sono una persona. Ho saputo che le mie urla avrebbero spaventato una bambina e di questo mi dispiace da morire. Sono una persona molto sensibile, e anche se gli altri credono che io sia una privilegiata, io sento la responsabilità di quelli che lavorano con me. E poi c’è la stanchezza fisica, da questa primavera non mi sono mai fermata”.

Speriamo anche che sia l’ultima volta e che ci si concentri sulla musica di Alessandra Amoroso.

Commenti (5)

  1. STATE FACENDO UN CASINO PER 2 AUTOGRAFI CHE NON HA FIRMATO !! MA VI RENDETE CONTO ???? .. ALTRI CANTANTI FANNO DI PEGGIO E PASSANO INOSSERVATI ! SCENDETELE DI DOSSO POVERINA !<3

  2. Effettivamente Silvia, mi sembra un po’ un eccesso, stanno andando avanti da giorni con questa storia, un momento di nervosismo capita a tutti. Si vuole montare un caso a beneficio dei giornali che qualcosa devono scrivere per forza. Che noia!

  3. Mi chiedo perchè ogni volta che qualcuno dimostra sensibilità, bravura e modestia, seppur avendo un grande successo, come nel caso di Alessandra, alla prima occasione di evidente stanchezza la si debba demolire… E’ successo a molti calciatori per esempio ritenuti campioni sino a quando fanno il mitigo goal, ma se non lo fanno al momento giusto diventano immediatamente delle frane…
    Giornalisti… sono la prima a dire che sono dei privilegiati e prendono un sacco di soldi, ma sono persone anche loro e la stanchezza la sentono anche loro lasciateli vivere ogni tanto!!!!
    VAI ALESSANDRA NON CAMBIARE!!!!!!

  4. La vera natura di questa starletta periodicamente esce fuori, conosciamo molto bene quando da` di matto,gia` dal programma amici e` una furia scatenata senza un minimo di controllo, non guarda in faccia a nessuno, quindi non mi meraviglia questo articolo su di lei, se ai suoi fans piace essere trattati cosi, contenti loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>