Mario Biondi: il 26 novembre arriva il nuovo album “Yes you”

di Redazione 2

Ancora un nuovo album per Mario Biondi, il nostro cantante black orgoglio degli italiani, amatissimo anche all’ estero, l’ album si chiama “Yes you” e esce su etichetta Tattica, la stessa di Renato Zero, con la quale l’ artista rinnova un accordo che gli ha fruttato oltre 200mila copie con il solo album “If”, Per chi ama acquistare musica su iTunes, “Yes you” è già disponibile in anteprima. In prevendita ha già venduto 50 mila copie.

Il cd live “Yes you” è stato tratto dal concerto tenuto da Mario Biondi al Teatro Antico di Taormina il 23 agosto e al Teatro di Verdura di Palermo il giorno seguente. I brani più elettrici e movimentati sono quelli registrati a Taormina, quelli che richiedono un’atmosfera più intima e raccolta sono quelli suonati al Teatro di Verdura.

“Yes you” parte con un medley di canzoni e riff: “Birdland” dei Weather Report”, “Moaning di Art Blakey, “Brother to broche” di Gino Vannelli, “Donna Lee” di Charlie Parker e “Gateway” degli Earth Wind & Fire. La prima canzone è “Nature boy” inciso per la prima volta da Nat ‘King’ Cole.. Venti in tutto le tracce, tra cui “Something that was beautiful”, regalatogli di Burt Bacharach, adattamento in inglese di “E se domani”, tradotto da Calabrese e arrangiato dallo stesso Biondi. E in chiusura l’inedito “Yes you”, un pezzo che racchiude le caratteristiche compositive ed interpretative di Mario Biondi. E molto altro ancora.

Commenti (2)

  1. E’ un artista che apprezzo. Uno dei pochi Italiani che fa musica colta ed è conosciuto anche all’estero.

  2. Ho assistito al tour questa estate, lui è davvero grande in tutti i sensi. Sono felice che sia uscito l’album o meglio questa raccolta, mi permetterà di rivivere le stesse emozioni di pochi mesi fa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>