I COLDPLAY PUNTANO ALL’OSCAR!

di L. F. Commenta

Anticipato dall’ormai immancabile post su Twitter, esce oggi il nuovo brano dei Coldplay: “Atlas”. Un brano che si prospetterebbe addirittura da Oscar…

Credit: foto gentilmente concessa dall’ufficio stampa Universal Music Group
Credit: foto gentilmente concessa dall’ufficio stampa Universal Music Group

I Coldplay l’avevano twittato ormai da tempo… oggi, 6 settembre 2013, arriva il nuovo singolo contenuto nella colonna sonora del film “The Hunger Games: Catching Fire”, disponibile sia al digital download che in rotazione radiofonica. Il film d’azione, invece, sarà distribuito nella sale cinematografiche a fine novembre. Va sottolineato che è la prima volta che i Coldplay firmano un brano inedito per la colonna sonora di un film. Francis Lawrence, il regista del film, ha dichiarato: “Ho grandissimo rispetto ed ammirazione per i Coldplay e sono davvero estasiato per come loro siano entrati in connessione con il tema e le idee del film. La loro passione incondizionata e l’eccitazione del progetto hanno elevato la collaborazione oltre i normali canoni, e non vediamo l’ora anche noi che il brano sia condiviso con tutto il mondo”.

“Siamo onorati che una delle band icone nel panorama rock come i Coldplay pubblicheranno il primissimo brano della nostra colonna sonora – afferma il produttore del film, Tracy McKnight – E la cosa assume molto più significato visto che Chris Martin è un grandissimo fan dei libri di The Hunger Games. C’è un’attesa per questo brano, da parte nostra e da parte loro, che posso definire di epiche proporzioni!”.

La corsa agli Oscar 2014, fino ad oggi giudicata in mano alla magnifica “Young and Beautiful”, targata Lana Del Rey, si fa quindi più incerta.
Perché i Coldplay sono sono la band mitica che tutti noi conosciamo e amiamo, e perché “Hunger Games 2” punta, chiaramente, ad abbattere il muro del miliardo di dollari d’incassi in tutto i mondo.
Un successo così di vasta portata, almeno fino ad ora nelle menti dei diretti interessati,
tale da scippare la statuetta dalle mani di Lana, che aveva già fatto spazio nella credenza della sala da pranzo? Ce lo sapremo ridire, per ora godiamoci “Atlas“!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>