Adriano Celentano è tornato, in radio il nuovo singolo “Non ti accorgevi di me”

di Blogger Commenta

E’ tornato Adriano Celentano, dal suo ultimo lavoro sono passati quattro anni, si chiamava “Dormi amore, la situazione non è buona” e si era avvalso della collaborazione di nomi eccellenti, Mogol, Gianni Bella, Carmen Consoli, Jovanotti, Neffa e Francesco Tricarico, così come è per il nuovo singolo, da ieri in rotazione radiofonica ed acquistabile su iTunes, “Non ti accorgevi di me” ed è il brano apripista del nuovo album che sarà in tutti i negozi di dischi e presso tutti gli store digitali dal prossimo 29 novembre.

Non si sa altro dell’album, pochi i dettagli se non che sarà prodotto dal Clan Celentano e distribuito dalla Universal Music. Ed a proposito di belle collaborazioni, abbandonato Mogol con il quale sono nate canzoni indimenticabile, è stato Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, che suonano al gran completo, a scrivere “Non ti accorgevi di me”, racconta di amore profondo, di passione e comprensione, in cui non ci sono falsità, la purezza in tutto il suo significato, dove la superficialità è solo una parola del vocabolario.

Non sono le abituali sonorità per Adriano Celentano, ma il timbro della voce caldo e coinvolgente rende inconfondibile “Non ti accorgevi di me, ha qualcosa in più proprio per questo, arrangiamenti non scontati, rock ed archi sono la caratteristica del pezzo.

In rete sono apparse alcune parole del testo: “Non ti accorgevi di me se poi ti venivo a cercare/ Non mi accorgevo di te che mai eri pronta ad amare/ Non ti curavi di me perché già sapevi che io/ Se mi curavo di te a farmi male eri ancora tu”.

Nel nuovo album di Adriano Celentano la collaborazione con Giuliano Sangiorgi non è l’unica prestigiosa, ci saranno anche quelle con Jovanotti e Franco Battiato. E, lasciatecelo dire, finalmente ritorna ad impersonare l’icona della musica pop rock italiana, negli ultimi tempi lo abbiamo solo sentito intervenire in varie trasmissioni televisive, vedi Annozero, per fare politica, lasciando da parte la musica, finalmente ci si è ributtato e siamo qui tutti ad aspettarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>