Negramaro: una canzone dedicata a Mia Martini nel nuovo album “Casa 69”

di Blogger 1

 La copertina del settimanale Vanity Fair, in edicola questa settimana, è dedicata ai Negramaro, Giuliano Sangiorgi, leader del gruppo si definisce: “Basso, bruttino, e un po’ cicciottello”, alla vigilia del loro quarto album in uscita il 16 novembre, “Casa 69”, realizzato con i suoi cinque compagni di sempre, Emanuele Spedicato, Ermanno Carlà, Danilo Tasco, Andrea Mariano, Andrea De Rocco. Nessun dubbio sulla solidità del gruppo, che si presenta più che mai compatto all’ appuntamento con il quarto album.

Giuliano Sangiorni racconta che anche loro, come tanti altri gruppi, litigano spesso, ma la fortuna dei Negramaro è quella di non essersi mai lasciati: “Ci ha aiutato il fatto di essere stati sempre insieme, e di avere attraversato insieme tanta gavetta. Non abbiamo mai dimenticato chi siamo e da dove veniamo. Se il successo che hanno avuto i Negramaro lo avessi avuto da solo, mi sarebbe scoppiato il cervello. La mia fortuna è avere loro, la fortuna di tutti è avere gli altri cinque. Ci diciamo tutto. Litighiamo spesso. Ci fa bene”.

Il nuovo album dei Negramaro “Casa 69” contiene 16 canzoni inedite e, nel formato digitale iTunes Lp avrà due brani in più, “Lacrime” e “Comunque vadano le cose (Scusa Mimì)”. Com’è nato il pezzo dedicato a Mia Martini ? “Ho pensato di chiederle scusa perché ci sono stati momenti in cui anch’io sono stato oggetto di pregiudizi, e nonostante facessi di tutto per dimostrare che certe maldicenze erano infondate, nulla cambiava. Dovremmo tutti chiederle scusa: Mimì è morta per colpa della gente, che cazzo di morte è?”.

Commenti (1)

  1. E’ un disco strepitoso!!! Finalmente del rock vero non quella palla di Ligabue con quelle frasette finto-amarognole e sdolcinate che vanno bene per Amici. Grandi Negramaro!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>