Musica e luci per il 60mo compleanno Enel

di P G Commenta

Spread the love

La JuniOrchestra in concerto, diretta dal Maestro Pappano. Nella serata, l’accensione di un’opera e la consegna di 30 borse di studio

Nata nel 1962, Enel è oggi leader nei mercati globali delle rinnovabili. 60 anni di storia e vicinanza alle persone dal completamento della rete elettrica, che ha garantito l’energia alle famiglie e lo sviluppo dell’Italia, all’innovazione e all’elettrificazione green. In poche parole, alla nostra crescita e indipendenza energetica.

Un compleanno festeggiato questo 6 dicembre all’Auditorium Parco della Musica “Ennio Morricone” di Roma con un concerto della JuniOrchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, diretta dal Maestro Sir Antonio Pappano e da Simone Genuini. E con l’accensione dell’installazione “Eyes with eyes – Riflessi Futuri – opera di luci, colori e parole ispirate all’energia e firmata dall’artista Arthur Duff.

Da 60 anni diamo energia all’Italia. Siamo nati per farlo e la nostra missione nel tempo non è cambiata. Portare energia nelle case e nelle imprese è stato sempre molto più che accendere una lampadina. Negli anni Sessanta, significava portare progresso, favorire sviluppo e cambiamento anche sociale. Oggi, le innovazioni tecnologiche ci permettono di farlo in maniera sostenibile, creando nuove opportunità e contribuendo all’indipendenza energetica dell’Italia grazie all’energia prodotta dalle rinnovabili” (Francesco Starace, Amministratore Delegato e Direttore Generale Gruppo Enel)

Siamo convinti che le sorti di un Paese siano strettamente legate al modo nel quale si produce e si consuma energia, affinché Enel continui a giocare un ruolo da protagonista per lo sviluppo e la crescita dell’Italia. Un impegno che ha radici profonde nel passato e che si proietta oggi verso gli obiettivi di sostenibilità e di riduzione delle emissioni” (Michele Crisostomo, Presidente Gruppo Enel ed Enel Cuore onlus).

Per questo storico anniversario, luogo e protagonisti non sono un caso: Enel è al fianco dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia come Socio Fondatore sin dal 2003 – anno dal quale ne condivide i progetti dedicati alle giovani generazioni. Infatti, nel corso dell’evento, Enel Cuore consegnerà 30 borse di studio a giovani talenti che coltivano la passione per la musica nella JuniOrchestra. Inoltre, per l’occasione, la Fondazione Enel ha istituito 3 borse di studio alla memoria di Franco Tatò, che ha diretto l’Enel dal 1996 al 2002, da assegnare a studenti del Dottorato nazionale in Sviluppo Sostenibile e Cambiamento Climatico che la stessa Fondazione ha contribuito ad avviare quale Knowledge Partner.

La JuniOrchestra è la prima di bambini e ragazzi creata nell’ambito delle Fondazioni lirico-sinfoniche italiane. Dal 2005, anno nel quale Antonio Pappano è entrato in carica come Direttore musicale dell’Orchestra e del Coro di Santa Cecilia, questa è la quarta occasione che vede il Maestro salire sul podio dei ragazzi.

Pappano dirigerà il primo e l’ultimo brano in programma, che si aprirà con le Danze polovesiane di Alexander Borodin. Il testimone passerà poi a Simone Genuini, Direttore della JuniOrchestra fin dalla sua fondazione, per due danze tratte dalla Suite di sei danze BB 86 di Béla Bartók: la n. 2 Allegro Molto e la n. 3 Allegro Vivace. Quindi sarà la volta della Suite di West Side Story, il celebre musical composto da Leonard Bernstein. Infine, l’ultimo brano – il Boléro di Maurice Ravel – sarà di nuovo affidato a “Sir Tony”.

L’evento sarà trasmesso in diretta su RaiPlay alle 20.30, mentre l’opera di Duff resterà visibile fino al 28 dicembre presso la Cavea dell’Auditorium. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>