iTunes in discesa, digitale in crisi, la musica è streaming

di Marco Rossi Commenta

I  dati Nielsen SoundScan appena usciti pronunciano un verdetto che sa quasi di esecuzione. Le vendite digitali negli Stati Uniti per la prima volta sono in picchiata. Sono passate da 1340 a 1260 milioni in un solo anno, quello appena trascorso.

Non è un dato da poco. Significa l’inizio di un processo che potrebbe essere quasi certamente irreversibile.  Ovvero la stessa sorte che un tempo ebbero i cd. Sorte che continua inesorabilmente a portali nel dimenticatoio delle memorabilia vintage. Nel 2013 hanno perso ancora un 14%.

La rete, i download illegali, lo streaming, sono questi i nemici del mercato. Tentazioni a portata di mano, tanto, troppo vicine per poterle evitare. Il “gratis e subito” seppellirà le multinazionali.  Siti come  Youtube, Spotify e Rhapsod, in crescita costante (sono aumentati del 32%) saranno sempre più il nostro presente nei prossimi anni. Ma c’è una novità. Forse la nostra dipendenza potrà costarci caro. O meglio potrà costarci. E basta. Tutti i siti in questione stanno pensando infatti a servizi a pagamento.

Lo svedese  Spotify consente già da ora di accedere ad una playlist, gratuita per i primi sei mesi e poi a pagamento a costi bassi. YouTube anche è molto vicina a un passo del genere.

Un tempo digitale a pagamento per soppiantare la crisi dei supporti. Ora streaming in vendita per salvare il digitale. La storia quindi si ripete. Quello che fece iTunes, con il suo celebre e ora decadente mercato, stanno per fare i siti di streaming.

Cadranno anche loro? Il futuro è ora. Domani è un tempo lontano. La musica sarà sempre più ovunque, forse non ci verrà neanche voglia di volerla ascoltare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>