Velvet Underground, nessun copyright sulla “banana” di Andy Warhol

di Blogger Commenta

Non c’è nessun copyright sulla banana dei Velvet Underground, la storica band di rock sperimentale fondata da due personaggi ormai storici della musica internazionale. Per l’esclusiva di quello che si considerava un marchio non c’è stato nulla da fare, non hanno ragione nè i Velvet Underground, nè la Fondazione Andy Warhol, che dal maestro della pop art ha preso il nome, hanno perso la causa legale durata per nove mesi.

L’autore della banana era stato Andy Warhol, la Warhol Foundation for the Visual Arts gestisce i diritti d’autore di tutte le sue opere da quanto il re della pop art è venuto a mancare. Il disegno era stato realizzato per la copertina del primo album dei Velvet Underground, la band rock che si è sciolta quasi quarant’anni fa. A gennaio i fondatori del gruppo Lou Reed e John Cale, avevano portato in causa la fondazione per aver venduto i diritti alla Apple che l’ha utilizzata per le custodie iPod e iPad. La band considerava quell’immagine come il simbolo del loro gruppo.

La battaglia è stata persa, questo è quanto ha deciso il giudice distrettuale di Manhattan che ha dato ragione alla Fondazione di Andy Warhol. La ragione della decisione del giudice Alison Nathan è semplice, non c’è motivo di disputa in quanto i Velvet Underground si sono sciolti decenni fa, negli anni uccessivi non risultano esserci business che abbiano utilizzato l’immagine oggetto della contesa.

Nonostante tutto, i Velvet Underground non sotterrano l’ascia di guerra e promettono ancora battaglia. Non accettano quel non poter rivendicare il diritto di copyright della copertina dell’album “The Velvet Underground and Nico” disegnata dal maestro della pop art. I leader storici, Lou Reed e John Cale, sono pienamente convinti che “si possa generare confusione” nell’acquisto di un prodotto con il celebre logo.

Tutto tornerà in discussione ad ottobre, sembra che in quell’epoca uscirà una nuova edizione del disco, sicuramente i Velvet Underground riprenderanno la discussione per evitare che il pubblico possa confondere quello che loro considerano il segno distintivo della loro band.

Dopo la sentenza, Lou Reed ha postato sul suo profilo Facebook la foto di una banana tagliata a spicchi, una sola parola a commento: “Sectioned”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>