Stadio, in radio il nuovo singolo “Poi ti lascerò dormire”

di Redazione Commenta

Il nuovo album degli Stadio, “Diamanti&Caramelle”, è uscito il 27 settembre scorso su etichetta Emi Music Italy, da subito è entrato nella top ten dei dischi più venduti in Italia e nella classifica digitale iTunes. Un successo che non è arrivato inaspettato per questo storico gruppo italiano, che va oltre qualsiasi generazione e moda. Per festeggiare il grande risultato ottenuto, è da oggi in rotazione radiofonica il terzo nuovo singolo “Poi ti lascerò dormire”, dopo le ottime performance avute da Gaetano e Giacinto e Diamanti e caramelle.

Il nuovo singolo degli Stadio farà parte della colonna sonora originale del film “Posti in piedi in paradiso” di Carlo Verdone (dal 2 marzo nelle sale) alla quale hanno collaborato Gaetano Curreri, Andrea Fornili e il “sempre Stadio” Fabio Liberatori.

“E mi invadi gli occhi/sei fiume in piena e rompi gli argini/e allora mi incanto, rallento un momento/mi chiedo se domani sarà ancora uguale/stretta sui miei polsi…nel buio tanta luce può accecare/ma un attimo ancora, risvegliami ancora/e poi ti lascerò dormire/e poi ti lascerò dormire/e poi ti lascerò dormire”, scritta da Saverio Grandi, firma autorevole, che scrive e produce con gli Stadio da anni, che condivide con Gaetano Curreri idee e canzoni, in un crescendo di successi e arrangiata da Nicolò Fragile, “Poi ti lascerò dormire” è forte ed intensa.

A raccontare un po’ del nuovo singolo è Gaetano Curreri, leader degli Stadio:

“Il brano racconta la storia di un uomo vinto dall’amore. Gli Stadio, ancora una volta, mostrano l’altra faccia dell’amore. Esistono le sconfitte a cui nessuno può sfuggirvi. L’amore significa anche partenza, addio, illusione; è un sentimento che costa caro ma che vale comunque ogni centesimo del suo prezzo”.

Quest’anno ricorrerà un’importante celebrazione per gli Stadio, festeggeranno 30 anni di attività, il loro primo album uscì 1982, la band di musicisti, già allora tra le migliori in circolazione, sono protagonisti in studio dei dischi più importanti della musica d’autore dalla fine degli anni ’70 in poi. Il nome degli Stadio non a caso, faceva venire in mente tanta gente festosa che segue una partita di calcio, o concerti, quei grandi “live” che gli Stadio hanno realizzato prima al fianco di alcuni dei più famosi artisti italiani e poi da soli.

Il calendario completo del tour è disponibile su www.stadio.com e www.colorsound.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>