Bologna Jazz Festival 7-15 Novembre 2008 – Programma concerti e eventi

di Blogger Commenta

Bologna Jazz Festival 7-15 Novembre 2008 - Programma concerti e eventiBologna Jazz Festival 7-15 Novembre 2008 – Programma concerti e eventi
(Concerti al Teatro delle Celebrazioni, concerti nei jazz club, rassegna cinematografica, incontri)

Il Bologna Jazz Festival 2008 che si terrà a dal 7 al 15 Novembre e giunge alla sua terza edizione.
Il Festival Jazz di Bologna vede quest’ anno la presenza di artisti di primissimo piano nel panorama musicale internazionale. Con le sue quattro serate sul Main Stage al Teatro delle Celebrazioni, i diciassette appuntamenti in quattro locali della regione (rassegna Round Midnight), i nove film in proiezione (rassegna Jazz On The Screen) e un totale di oltre settanta musicisti che animeranno questa terza edizione dal 7 al 15 novembre, appare evidente che l’ obiettivo del Festival Jazz di Bologna è quello di proporsi come uno dei più importanti appuntamenti jazzistici dell’ autunno europeo.

PROGRAMMA CONCERTI:

7 NOVEMBRE
La serata inaugurale (7 novembre, Teatro delle Celebrazioni) si apre con il quintetto di Herbie Hancock, stella di prima grandezza della musica afro americana degli ultimi cinquanta anni. Recentemente insignito di un prestigioso doppio Grammy Award, Hancock si presenta a Bologna nella sua veste più strettamente jazzistica affiancato, tra gli altri, dall’illustre collega Terence Blanchard, trombettista e compositore di New Orleans.

8 NOVEMBRE
La seconda serata (8 novembre) vedrà sul palco del Teatro delle Celebrazioni due concerti con tre formazioni diverse: il quintetto del contrabbassista inglese Dave Holland e due formazioni – un quartetto e un quintetto – dirette dal pianista Cedar Walton. Nel corso della serata a Cedar Walton sarà consegnato il Premio Alberto Alberti alla carriera: un riconoscimento a colui che con Alberti ha condiviso per anni una grande intesa sul piano artistico, e, soprattutto, una profonda amicizia.

14 NOVEMBRE
Il fine settimana successivo guarda a quelle culture che hanno incontrato il jazz e lo hanno riletto alla luce della propria identità musicale. Il 14 novembre, nel cinquantenario della nascita della bossa nova, si esibisce in un sentito omaggio alle composizioni del maestro Antonio Carlos Jobim, il musicista e compositore brasiliano Milton Nascimento (14 novembre) accompagnato dal Trio Jobim diretto dal figlio e dal nipote del maestro indiscusso della bossa nova.

15 NOVEMBRE
La serata conclusiva (15 novembre) ruota interamente attorno a quella che si può definire la più eclettica personalità della musica italiana, quella del pianista Stefano Bollani. In Bollani convivono il jazz, la musica classica e la musica popolare in una forma originalissima e istrionica. Al Teatro delle Celebrazioni, potremo gustare le molteplici personalità musicali del pianista che si esibirà in un triplo concerto: solo, in duo con Enrico Rava – niente meno che il numero uno del jazz italiano – e, infine, a capo del suo recente e funambolico quintetto “i Visionari”.

PROGRAMMA ROUND MIDNIGHT IN 4 LOCALI BOLOGNESI
Se le prevendite dei biglietti e degli abbonamenti per il Main Stage, mostrano quanto siano attese le star del festival, non meno entusiasmo circonda Round Midnight, la rassegna dedicata al “jazz delle ore piccole”. Quattro i locali della regione coinvolti in questa edizione 2008: gli storici club bolognesi Chez Baker Live Jazz e Cantina Bentivoglio, Il Torrione Jazz Club di Ferrara e l’Auditorium Pala RS Congressi di Castel San Pietro Terme.
Il ricco cartellone di Round Midnight vedrà esibirsi prestigiose formazioni: il sestetto One For All e l’Organ Trio di Mike Le Donne entrambe composte da musicisti della stessa generazione, tutti esponenti di punta della scena newyorchese modern mainstream e legati alla travolgente personalità del nostro Alberto Alberti, che negli ultimi anni della sua avventura nel jazz li aveva aiutati e incoraggiati; il Trio di Kevin Hays, uno dei più interessanti talenti del panorama statunitense; la portentosa ritmica Moroni-Howard-Hart che accompagnerà due virtuosi solisti come Eric Alexander e Stefano Bedetti; il vulcanico Antonio Faraò alla guida di due formazioni che celebreranno il compianto sassofonista e compositore Bob Berg; la Inner Jazz Orchestra, big band diretta da Diego Frabetti che proporrà un repertorio classico impreziosito dalla presenza di alcuni dei migliori solisti dell’area bolognese; il quartetto di Boato, Tonolo, Vaggi, Kramer che si esibirà in un omaggio al compianto pianista Luca Flores, nella serata in cui al cinema Arlecchino sarà proiettato il film che ne racconta la vita.

PROGRAMMA JAZZ ON THE SCREEN
Infine il consolidato appuntamento con Jazz On The Screen, la ricercata rassegna al cinema Lumière, realizzata in collaborazione con la Cineteca di Bologna. Numerose le proiezioni, tutte in qualche modo legate ai protagonisti di quest’edizione del festival: Blow up di Antonioni (colonna sonora di Hancock), Oggetti smarriti di Bertolucci (colonna sonora di Rava), Miracolo a S. Anna di Spike Lee (colonna sonora di Blanchard), Tamboras de Minas, documentario dedicato a Milton Nascimento, e molte altre. Da segnalare la proiezione del film Piano Solo di Riccardo Milani con Kim Rossi Stuart tratto dal romanzo Il disco del mondo di Walter Veltroni. Veltroni e Riccardo Milani presenzieranno alla serata, che per ragioni di capienza, si terrà presso il cinema Arlecchino anziché presso il Cinema Lumière.

PREVENDITE E INFORMAZIONI
Tutte le informazioni sul programma e i biglietti del Bologna Jazz Festival sono disponibili sul sito www.festivaljazzbologna.it e presso il Teatro delle Celebrazioni (Tel. 051.6153370/74 www.teatrocelebrazioni.it).
Prevendite nei punti vendita Ticket One, Vivaticket, prevendite abituali, prevendita al Teatro delle Celebrazioni e vendita nelle serate di spettacolo.

(Fonte: Comunicato Stampa UFFICIO STAMPA MP COMMUNICATION)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>