I due concerti contrapposti: con norme e senza

di Daniele Pace Commenta

un concerto pilota nel Regno Unito per segnare una svolta nel settore, con le dovute precauzioni. Madball a New York senza controllo.

In questo mese si è verificato qualcosa che probabilmente era prevista succedesse. Due concerti contrapposti tra loro. Uno organizzato appositamente come esperimento applicando tutte le normative per il coronavirus, l’altro avvenuto completamente senza tutto ciò e che ha scaturito delle conseguenze. Un settore completamente alla deriva che si frappone tra la voglia di tornare alla normalità e la completa ribellione figlia della musica stessa proposta.

Il concerto pilota

Si è svolto nello scorso 2 maggio nel Regno Unito un concerto denominato pilota. Un tentativo da parte della Nazione in questione di far tornare gli addetti ai lavori del settore. Di cosa si è trattato? Innanziutto si è svolto al Sefton Park di Liverpool, una struttura con una capienza di 7500 persone. In questo caso però si è posto un limite di 5000 senza mascherina e distanziamento sociale. Ovviamente l’evento è riservato a persone negative al coronavirus e per precludere la diffusione, fuori alla struttura è stato allestito un centro tamponi che darà risultati entro 30 minuti e si occupava di monitorare il contagio. Le persone si devono sottoporre ai test anche nei giorni successivi. Per l’occasione si sono espressi Oliver Dowden segretario alla Cultura “Ora che il nostro programma guidato dalla scienza è in corso, siamo un passo avanti verso un’estate di eventi dal vivo. Testare diversi tipi di situazioni ed esaminare diverse misure, è la chiave per riportare il pubblico agli eventi in sicurezza. Spero che non passi molto prima che i concerti possano tornare definitivamente” e Matt Hancock segretario della Sanità “I risultati di questo concerto ci daranno informazioni necessarie per lo svolgimento in sicurezza dei futuri grandi eventi” Speriamo dunque che il futuro degli eventi dal vivo possa ritornare ad una sorta di normalità.

Il concerto dei Madball

È passato alla cronaca un concerto con 3000 persone sembrerebbe tutto organizzato senza autorizzazione, svoltosi al Tompkins Square Park di New York. L’evento ha ospitato diverse band del panorama hardcore metal, tra cui i noti Madball come headliner. Il live è stato organizzato dalla Black N’ Blue Productions ed era autorizzato per di 200 persone, fino ad un massimo di 500 nel caso in cui sono prese estreme precauzioni; almeno secondo il regolamento dello stato di New York. Tra le regole sono contemplate anche l’uso della mascherina ed il distanziamento. Come detto però sono state violate tutte le norme di sicurezza con la presenza di almeno 3000 persone ed è stato anche tutto ripreso. L’evento ha creato talmente scalpore che sono partite indagini anche da parte dell’FBI.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>