Ivano Fossati, ultimo album e ultimo tour, poi si ritira, ma non lascia la musica

di Redazione Commenta

Spread the love

Ha regalato delle canzoni stupende il cantautore genovese Ivano Fossati, quarant’anni di carriera, alla soglia dei sessant’anni ha deciso che il nuovo album “Decadancing”, anticipato dal singolo “Decadenza” in rotazione radiofonica dal 2 settembre, sarà l’ultimo della sua carriera, così come il tour che ne seguirà. A sorpresa fa l’annuncio in occasione della sua ospitata da Fabio Fazio a “Che tempo che fa”, non abbandonerà la musica, farà altre cose che non ha mai avuto tempo di fare prima. “Comincerò a viaggiare e a vedere le cose in un altro modo. Mi sentirò più libero”.

Un addio alle scene che lascia sconcertati i suoi fan, un altro artista che preferisce andarsene prima che siano gli altri a non volerlo, prima di non aver più niente da dire, vedi Vasco Rossi, che forse è meglio che si riposi, e gli storici R.E.M.

La decisione di allontanarsi è stata ben ponderata, racconta Ivano Fossati, era molto tempo che ci stava pensando, tre anni almeno: “Il motivo minore è che l’ho sempre saputo e che a sessant’anni, che ho compiuto qualche giorno fa, ho la sensazione che forse avrei potuto fare altro. Un motivo più concretoè che mi sono domandato se al prossimo album ipotetico che avrei dovuto fare fra 4, 5 anni sarei stato in grado di metterci la stessa passione e avrei avuto la stessa lucidità che ho potuto garantire fino a qui. E ogni volta che mi sono fatto questa domanda mi sono risposto: non lo so. E allora ho pensato che la mia vita musicale avrebbe potuto rappresentare me stesso all’infinito, fare dischi e concerti replicando me stesso”.

Ivano Fossati vuole che l’ultimo album e tour siano un’occasione per fare festa, nel suo nuovo lavoro affronta tanti argomenti, per parlarne ha dato grande peso all’aspetto musicale piuttosto che ai testi, racconta delle difficoltà dei giovani italiani costretti ad andare all’estero per trovare una propria strada, magari definiti traditori della patria, ma non c’è altra soluzione.

Il rimpianto di Ivano Fossati è di non aver assistito all’unico concerto dei Beatles a Genova, per il resto, promette che sarà un ultimo lavoro indimenticabile, questo è il ricordo che lascerà ai suoi fan, lui non vuol più entrare nel meccanismo delle case discografiche, il suo è uno dei mestieri più belli al mondo, con tutti i privilegi che ne derivano, ma dice basta, non vuole ripetersi all’infinito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>